Progetto "Mosaico Mediterraneo - Un mare, tre continenti"

01/09/2014 di Redazione

Data Inizio Progetto: 02/09/2013 - Data Fine Progetto 30/06/2015

Progetto "Mosaico Mediterraneo - Un mare, tre continenti"

"Mosaico Mediterraneo. Un mare, tre continenti" rappresenta la terza edizione dei progetti di educazione interculturale che FOCUS - Casa dei Diritti Sociali, in collaborazione con il CREIFOS (Centro di Ricerca sull'Educazione Interculturale e la Formazione allo Sviluppo) dell'Università degli Studi Roma Tre, realizza nel territorio di Roma. Finanziato dal FEI  - Fondo Europeo per l'Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi - Azione 3 (Progetti giovanili) - Annualità 2013, il progetto, di cui FOCUS - Casa dei Diritti Sociali è il capofila, si pone l'ambizioso obiettivo di costruire percorsi di integrazione scolastica e di inclusione sociale per gli adolescenti e i giovani di origine straniera residenti nel territorio romano.
Tale obiettivo si articola principalmente nel supporto scolastico agli studenti di cittadinanza non italiana, nella valorizzazione delle loro lingue e culture di origine, nel sostegno all'associazionismo delle comunità straniere e alle istituzioni scolastiche e familiari prossime ai minori. In particolare, gli interventi sono organizzati in due diverse fasi:
1- Empowermente coinvolgimento del personale scolastico, dei volontari delle associazioni italiane e delle comunità migranti, degli studenti universitari di origine straniera. Il percorso formativo, organizzato da FOCUS - Casa dei Diritti Sociali, CREIFOS - Università Roma Tre e CEMEA del Mezzogiorno, è articolato in tre moduli, relativi a: 1) L'educazione interculturale e plurilingue; 2) Metodologie attive per l'educazione; 3) Il ciclo del progetto: dall'ideazione alla gestione delle risorse.
2- Sperimentazione di interventi educativi interculturali nelle scuole e sul territorio. Il lavoro volto alla promozione del successo scolastico dei minori e al loro migliore inserimento all'interno del gruppo classe, è svolto con un'ottica di valorizzazione dei loro bagagli linguistici e culturali e mira a promuovere un'interazione sempre più positiva tra alunni italiani e di origine straniera.
Nella convinzione che il contrasto all'abbandono scolastico di questi ultimi debba passare attraverso l'attivazione di risorse che, a vario titolo, intervengono nei loro percorsi di crescita, il progetto mira ad attivare una rete sociale che li sostenga e li accompagni nel difficile percorso di integrazione scolastica e di socializzazione ad essa connessa. Partner del progetto, oltre al già citato CREIFOS, sono alcune associazioni giovanili o operanti nel settore dell'educazione non-formale attive nel territorio romano (Comunità giovanile A Modo Bio, CEMEA - Centri di Esercitazione ai Metodi dell'Educazione Attiva del Mezzogiorno, Mama Africa Roma); alcune associazioni di comunità migranti (Adescopha Italie Pool Europe - Repubblica Democratica del Congo, Articolo 3 - Marocco, Associazione Nazionale degli algerini in Italia El Djazair - Algeria; Bene Rwanda Onlus e Umubyeyi Mwiza Onlus - Rwanda, Zhonghua - Cina); due istituti scolastici di Roma (IC Via Baccano e IIS Cartesio - Luxemburg). Oltre alle scuole partner, sono stati coinvolti nelle attività progettuali numerosi altri istituti, situati in diversi municipi di Roma.
Questo ricco e composito partenariato permetterà di individuare i circa 700 giovani destinatari degli interventi tra coloro che frequentano le scuole del territorio romano e che saranno i partecipanti ai laboratori che coinvolgeranno l'intero gruppo classe. Altri giovani saranno intercettati nell'ambito delle comunità straniere che vivono a Roma grazie all'attivazione delle associazioni dei migranti. Ulteriori destinatari saranno gli studenti laureandi di origine straniera e un gruppo di circa 100 adulti tra docenti, attivisti delle associazioni italiane e delle comunità straniere, genitori e familiari dei ragazzi coinvolti che prenderanno parte ad un percorso formativo sul tema dell'intercultura.